Insulti omofobi in Statale

gayLa mattina di giovedì 10 marzo uno studente universitario di 19 anni è stato prima insultato e poi minacciato da un ragazzo. La vittima, Giacomo, è stata aggredita mentre appendeva in bacheca alcuni volantini del cineforum organizzato dal gruppo GayStatale. “Voi froci siete la feccia dell’umanità”; “Per voi malati qui non c’è posto” e ancora: “Vieni fuori che ti ammazzo di botte” , così si è sentito minacciare. Il fatto si è svolto nella sede di Biologia, in via Celoria (Città Studi), mentre altri studenti assistevano allibiti alla scena.

I ragazzi di GayStatale non sono nuovi ad episodi del genere. Nato da poco più di un anno nell’Università degli Studi di Milano, il gruppo studentesco è molto attivo nel promuovere attività culturali, come appunto cineforum, ma anche conferenze ed iniziative di vario genere, per sensibilizzare gli studenti ai problemi degli omosessuali nell’Italia di oggi e favorire un positivo confronto.

Ma nonostante sia nato da poco, ha già subito altri episodi di odio. Nella scorsa primavera gli studenti del gruppo avevano notato che i loro manifesti in università venivano sistematicamente strappati. Colti sul fatto, gli autori, alcuni ragazzi della lista universitaria di Comunione Liberazione, hanno pure insultato i ragazzi di GayStatale.

Simili episodi iniziano a muovere l’interesse delle istituzioni: se ne è subito parlato in Senato accademico e nel Comitato pari opportunità dell’ateneo. Nette le posizioni di condanna, dai rappresentanti degli organi e dal rettore Decleva, mentre si iniziano a condurre delle indagini per scoprire l’identità dell’aggressore, recuperando i vari testimoni dell’accaduto, e per decidere delle sanzioni.

Particolare interesse è stato dimostra to dal Comitato pari opportunità, che pensa di dedicare all’omofobia una delle conferenze che si terranno nel prossimo semestre al tema delle discriminazioni.

Enrico Guerini

Redazione on FacebookRedazione on InstagramRedazione on TwitterRedazione on Youtube

Commenta