Cosa vuoi fare da grande?
Lista di professioni alternative

La necessità aguzza l’ingegno, questo è risaputo, e a quanto pare anche la fantasia.
Il lavoro non c’è, c’è la crisi. E allora la parola d’ordine è reinventarsi, puntare sulla novità e sull’alternativo.
Siete disoccupati, avete perso il lavoro o il lavoro non lo avete mai trovato nonostante la/le lauree, le mille ore di tirocinio non pagate e un curriculum chilometrico che vanta le più serie competenze ed esperienze possibili?
Siete sufficientemente folli, poco pigri, o semplicemente disperati, da voler tentare il tutto per tutto?

Ecco al caso vostro una panoramica dei lavori più assurdi e “di nicchia” richiesti sul mercato, quelle professioni che proprio non ci si aspetta di trovare e che ben pochi sono disposti a fare.

Per chi ama stare al fresco e vive nel mito del Titanic il consiglio è di rivolgersi all’International Ice Patron, organizzazione compartecipata anche dal governo italiano e nata proprio in seguito alla tragedia di Jack e Rose per monitorare i movimenti degli iceberg. In caso di pericolo il trasportatore di iceberg, singolare lupo dei mari artici, interviene per deviare i blocchi di ghiaccio dalle rotte commerciali.

lavori assurdi

Quelli che invece sognano l’Australia possono imbarcarsi come cuochi nei sommergibili, lavoro ben retribuito, fino a 200 mila dollari all’anno, oppure – a patto che amino il rischio delle acque oceaniche – possono arruolarsi come palombari di perle: si possono guadagnare fino a 1300 dollari al giorno.

Amanti della solitudine e della natura incontaminata? L’isola di Hamilton, al largo della costa australiana orientale, cerca un guardiano per monitorare flora e fauna. Situazione simile alla nostrana isola di Montecristo nel Tirreno, oggi abitata esclusivamente da Giorgio e Luciana Marsiaj che, con un contratto che scadrà nel 2016, si occupano di questa riserva integrale dove sono ammessi solo 1000 visitatori l’anno.

Ma è possibile anche ripiegare sul più umile spaventapasseri umano, a 10/15 dollari all’ora, o sul raccoglitore di gomme da masticare lungo i marciapiedi e, se per caso vi trovaste in Sudafrica, sappiate che le riserve naturali cercano babysitter per struzzi: data l’aggressività dell’animale sono garantiti turni con orari flessibili.

In America ci si può sbizzarrire. Una fotografa yankee, Nancy Rica Schiff ha pubblicato un paio di libri di successo (Odd Jobs del 2002 e Odder Jobs del 2006) con i ritratti di insoliti professionisti: si va dall’annusatrice di odori e profumi a Cincinnati, allo spolveratore di ossa di dinosauri di 145 milioni di anni fa nel museo di storia naturale di Washington, dall’assaggiatrice di cibo per cani e gatti al “professional organizer”, pagato per preparare le valigie altrui. Da non dimenticare poi gli indispensabili collaudatori: il “tampon tester”, che si occupa di assorbenti intimi, e il tester di profilattici.

Lavori Assurdi Collage

Sempre in territorio americano risulta attiva anche la figura del consulente di nomi per bambini e, per i più golosi, l’addetto al controllo qualità delle patatine fritte in busta, il cui salario annuale è di 35 mila dollari.
Molta pazienza e una forte vocazione ittica per il sorvegliante speciale dell’acquario di Seattle, a cui viene chiesto di contare i pesci ogni dieci minuti nel periodo in cui vengono deposte le uova — cioè da giugno a ottobre. E sempre per restare in tema, ci si può anche occupare di verificare il sesso dei pulcini nati negli allevamenti per poi smistarli.

Se ci spostiamo a Oriente le novità non mancano. Si spazia dallo scrittore di biglietti per i biscotti della fortuna in Cina, al singolare “autostoppista alla rovescia” dell’Indonesia che si fa pagare per aiutare chi guida a trovare la meta più velocemente attraverso scorciatoie e vie non indicate dai navigatori, fino ad arrivare agli “addetti alle coccole” dei cuddle cafè giapponesi, niente prostituzione ma solo momenti di tenerezza e abbracci a pagamento.

Per tornare in zona, a Bergamo è molto richiesto il “pet detective”, meglio detto cacciatore di animali smarriti, e in Italia grande successo ha il riempi-posto nelle file, occupazione sperimentata per la prima volta qualche anno fa da un laureato disoccupato a 10 euro all’ora.

Sognate lo spazio? La Nasa cerca volontari per simulare a gravità zero le condizioni di vita al di fuori della Terra: dovete stare a testa in giù e farvi centrifugare, a 3.500 euro al mese.

Infine in ambito medico grande fortuna ha acquisito di recente il “memory augmentation surgeon”, lo specialista chirurgo che aiuta gli anziani a conservare e aumentare il livello di memoria.

Se però siete pigri e tutta questa fantasia vi spaventa non c’è da preoccuparsi: esiste al mondo chi cerca qualcuno che si sdrai su un letto e si addormenti con qualche cavo addosso, in genere per prendere parte ad esperimenti scientifici sul sonno e sui sogni. Un sonno che può fruttare anche 10.000 euro all’anno.

Alessia Carsana
@alessiacarsana

Photo credits: Nancy Rica Schiff

Redazione on FacebookRedazione on InstagramRedazione on TwitterRedazione on Youtube

Commenta