Sanremo per il sociale: Testi&Accordi

Francesco Floris
@Frafloris

È stato un Festival di Sanremo dalle palesi infiltrazioni No-global: dalle battaglie del conduttore Carlo Conti contro la Tbc, l’ebola e la progeria, fino allo sforzo congiunto di comici, autori e interpreti per proporre testi e arrangiamenti all’altezza del gravoso compito che la televisione pubblica – d’intrattenimento ma anche pedagogica, che fa ridere e pensare – si deve assumere dinnanzi alla corruzione dei costumi contemporanei.

ANNA TATANGELO – LIBERA
Testo ispirato alla figura di Don Ciotti, padre spirituale e genetico della cantante napoletana — la quale, dopo la performance, ha visto consumarsi in tragedia la propria relazione con Gigi D’Alessio, per palesi incongruenze ideologiche.

LORENZO FRAGOLA – SIAMO UGUALI
Un’utopia socialista reale unita al frutto afrodisiaco per antonomasia. Il testo è tratto da un noto aforisma di Winston Churchill – suo giudice a X-Factor – che recita: «Chi non è stato socialista a vent’anni è senza cuore, ma chi non è di destra da vecchio è senza modello Isee».

GRAZIA DI MICHELE/MAURO CORUZZI – IO SONO UNA FINESTRA
Dedicata alla figura del Commissario Calabresi.

MALIKA AYANE – ADESSO E QUI (NOSTALGICO PRESENTE)
Opta per l’acconciatura di Spike – il vampiro di Buffy – scelta accentuata dall’applicazione di un apparecchio acustico in bocca, per rammentarci l’importanza del soprannaturale nella creazione artistica.

DEAR JACK – IL MONDO ESPLODE (TRANNE NOI)
Dal genio paroliere di Gaspare Spatuzza, uno storytelling che narra la giornata uggiosa di un artificiere impegnato nella costruzione del tratto di autostrada Palermo-Capaci.

festival-sanremo-2015-logo-ufficiale

BIANCA ATZEI – SOLO AL MONDO
Ultima superstite di una popolazione precolombiana, combatte da decenni una battaglia contro l’anonimato.

RAF – COME UNA FAVOLA
Confuso durante le serate di Sanremo per Daniele Groff prima, poi per Dj Gruff e infine per Dino Zoff, Raf propone una canzone sull’importanza dell’individualità in letteratura.

IRENE GRANDI – UN VENTO SENZA NOME
La sua storia è quella di una cassiera dell’Esselunga di Castelfiorentino che ottiene inaspettatamente il successo esibendosi al sabato sera nel karaoke del Coyote Ugly di Piombino.

MORENO – OGGI TI PARLO COSÌ
In fuga da una prigione ecuadoregna, l’arbitro d’Italia-Corea si è presentato sul palco vestito da becchino in segno di prostrazione per gli errori commessi nel passato. Fischi per lui.

IL VOLO – GRANDE AMORE
Direttamente dagli Usa, straziante e romantica vicenda amorosa fra una hostess del volo United Airlines 175 e un terrorista superdotato, ambientata nella mattinata dell’11 settembre 2001.

ALEX BRITTI – UN ATTIMO IMPORTANTE
Non giudicabile: aspettiamo con ansia la cover di Mina per gridare al capolavoro.

VIRGINIA RAFFAELE
Uno spot comico a favore della parità dei nomi propri transessuali; recita con disinvoltura ed estro satirico la parte di Ornella Vanoni/Letizia Moratti/Giampiero Mughini.

FAMIGLIA ANANIA
Si ringrazia lo sperma dello Spirito Santo e dell’Arcangelo Gabriele per aver donato a Catanzaro la famiglia con più vocali d’Italia.

NINA ZILLI – SOLA
Sconfitta d’eccellenza per aver quasi raggiunto l’anagramma perfetto di Nilla Pizzi.

CARLO CONTI
Ha lasciato la Ghigliottina a Frizzi proprio nel momento dell’avanzata Isis verso Roma. Mossa da gigante della televisione.

Francesco Floris
BloggerLinkiesta
Collaboratore de Linkiesta.it, speaker di Magma, blogger.

Commenta