The Good, the Bad and the Trailer: The Program

Jacopo Musicco
@jacopomusicco


The program è l’ultimo film diretto da Stephen Frears, regista spesso dedito a biopic, come dimostrano The Queen e  Muhammad Ali’s Greatest Fight. Questa volta Frears è alle prese con la figura del ciclista Lance Armstrong.

LAVA
A differenza del primo teaser, il trailer ufficiale inquadra perfettamente – sia musicalmente che visivamente – la vena adrenalinica del film. Un richiamo alle tematiche della pellicola, ma soprattutto allo sport che per antonomasia unisce l’uomo alla velocità.
Ciò che cattura l’attenzione non è solo la tecnica, ma anche il racconto: il doppio punto di vista, quello del giornalista (David Walsh) e quello del ciclista (Lance Armstrong), risulta un interessante spunto per raccontare la sfida di due uomini – uno per la gloria, l’altro per la verità.

Purtroppo assistiamo ad uno dei classici difetti nelle produzioni di trailer: la lungaggine. Il fastidioso vizio di raccontare troppo, di far vedere il superfluo (per un trailer s’intende), finendo per irritare chi guarda.
Dall’altra parte un’attenzione smisurata al soggetto, dimenticando lo sfondo – in questo caso il ciclismo – relegato a strumento per la vittoria. Banalizzando: si potrebbe parlare di qualsiasi sport, ma nel ciclismo ci si dopa di più.
CENERE

Ma questo è solo il trailer, il film è ancora tutto da vedere.


L’opinione della critica

Schermata-2015-09-15-alle-18.22.18
Schermata-2015-09-15-alle-18.22.36

Jacopo Musicco
“Conosco la vita, sono stato al cinema."

Commenta