Come fare application per un master (in studi umanistici) all’Università di Oxford

Venir ammessi all’Università di Oxford per un master è una cosa molto più noiosa che difficile. La procedura, nonostante sia tutta informatizzata, è lunga e a tratti estenuante, ma se la si segue con attenzione le probabilità di venire presi sono tangibili.

Prima di iniziare la procedura per presentare la domanda di ammissione, dovete vedere se riuscite a soddisfare due prerequisiti: una media dei voti alta, e una buona conoscenza della lingua inglese. Per il primo punto è necessario laurearsi alla triennale con almeno 108/110; quanto al secondo, dovete provare le vostre conoscenze linguistiche presentando un certificato d’Inglese (per esempio IELTS, nel quale il livello minimo richiesto è di 7,5/9 overall, con almeno 7 in ogni sezione).

Balliol-College-Hall

Per prima cosa, scegliete con attenzione il master che vi interessa di più sul sito internet di Oxford. Vi consiglio di non fare domanda a più master allo stesso tempo, ma di concentravi su un solo corso: in questo modo risparmierete tempo e concentrazione, facendo l’application con maggiore cura.

Gli Entry Requirements possono cambiare da corso a corso, ma sono molto simili in tutte le facoltà. I documenti (ovviamente tutti in inglese) che dovrete allegare alla vostra domanda saranno con ogni probabilità i seguenti:

  • Transcript of records, un documento ufficiale prodotto dalla vostra università, che contiene tutti gli esami sostenuti con i relativi voti.
  • Certificato del test d’inglese.
  • Statement of purpose/personal statement – forse il documento più importante che vi troverete a dover scrivere. Vi è richiesto di presentarvi all’università, spiegando, con un limite di 1000 parole, perché il corso offerto da Oxford sia quello che fa per voi: dovrete, in altri termini, dire come e perché questo corso sia la giusta continuazione dei vostri studi attuali. Inoltre, per molti master è anche richiesto di iniziare a delineare una proposta di ricerca. Si consiglia anche di inserire i corsi opzionali che sareste interessati a seguire – li trovate sempre su internet, nella pagina del corso.
  • References/letters of recommendation – 3 lettere di raccomandazione accademiche, quindi scritte da 3 professori della vostra università (o, nel caso, di quella dell’Erasmus) – almeno che non stiate ricominciando a studiare dopo un periodo lavorativo: allora sarà possibile nominare come referenti i vostri datori di lavoro. Dovrete inserire nell’application online l’indirizzo email del referente, in modo che sarà lui a inviare direttamente la lettera all’università, senza che voi possiate vederla. Scegliete attentamente i tre professori; prima di chiedere a un professore di “raccomandarvi” provate a vedere se è ordinario (la gerarchia accademica ha il suo peso), e se ha lavorato all’estero o è comunque noto in ambito accademico internazionale.
  • Written work – un vostro prodotto accademico. Deve essere una tesina tra le 4.000 e le 5.000 parole, o due testi più brevi di circa 2.000 parole. Non è necessario che il paper sia della stessa materia che studierete nel master, ma è molto importante che sia coerente e, soprattutto, completo di note e bibliografia.
  • CV, il vostro curriculum – È consigliato di far stare tutto in una sola pagina, per dargli maggiore incisività.

A questo punto, bisogna ammettere che il sito internet di Oxford è fatto molto bene: sono presenti tutte le informazioni di cui avrete bisogno, e sono anche molto facili da individuare. In ogni caso, se non riuscite a trovare le risposte che cercate, potete sempre scrivere al servizio informazioni per le ammissioni graduate students. Se lo fate in un giorno lavorativo, e in un orario decente, riceverete una risposta esauriente in soli 15 minuti.

Starry-Night-Yunli-Song

Non è impossibile venir presi per un master a Oxford. Due sono i consigli che sento di potervi dare: lavoro di squadra e tanta dedizione.

Il lavoro di squadra consiste nel far sempre leggere quello che state scrivendo a degli amici, o parenti, che abbiano avuto esperienze universitarie all’estero. Davvero essenziale è anche avere una persona anglofona di fiducia disposta a controllare e correggere la grammatica e sintassi dei vostri testi in inglese. Questo specialmente per il paper, che con molta probabilità non avrete già pronto, e che dovrete quindi scrivere ad hoc per la vostra domanda a Oxford.

Infine, metteteci tanta dedizione: una volta che avrete inviato l’application dovete avere una sola convinzione, e cioè che meglio di così non avreste potuto farla.

Se davvero avrete fatto del vostro meglio, e avrete avuto modo di confrontarvi con altre persone, anglofone e non, avete buone probabilità di venire ammessi.

Guido G. Beduschi
Studente di Storia, da grande voglio incastellarmi. Ho una bicicletta.

Commenta