Cosa fai a capodanno? 7 modi alternativi per festeggiare la notte più lunga dell’anno

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi. Capodanno invece non si sa, si organizza all’ultimo. Nel 94% dei casi ci si trova tutti quanti la sera del 31 dicembre da qualcuno – lo sfigato di turno che mette sempre la casa – e si decide al momento. Entro le 24, tutto ha senso. Alla 1, si è deciso cosa fare. L’anno successivo però.

Festeggiare l’ultimo dell’anno è una tradizione – oltre che un obbligo – e la gente si amputerebbe entrambi gli arti superiori piuttosto che saltarlo. Se però avete un animo hipster e vi piace infrangere tutte le regole, vi proponiamo qui una lista di capodanni alternativi, diversi dal solito brindisi di mezzanotte seguito da cotechino e lenticchie. Enjoy!

Capodanno allo zoo: potete brindare con chi volete. Scimpanzé, gorilla o leoni. Magari anche con gli ornitorinchi. Ideale se siete timidi e non sapete mai di cosa parlare. Pienone di biologi.

Capodanno nello spazio: bisogna essere Samantha Cristoforetti o un qualsiasi altro ingegnere aerospaziale con contratto a tempo indeterminato alla NASA. Non male la vista, però. Scegliete il fuso orario che più aggrada e festeggiate di conseguenza. La Cristoforetti ha scelto il modulo russo, ma avete una gamma infinita di possibilità. Per i veri party animals, maratona di capodanno 24h/24: si inizia con la Nuova Zelanda e si finisce con le Hawaii. Entro il prossimo capodanno recupererete il fegato (si spera).

Capodanno alternativo nell’igloo: è auspicabile essere in due. Perché, non si sa. Forse perché l’igloo è freddo e bisogna avere chi ci scalda. Le soluzioni allora sono due: o si affitta un/a fidanzato/a oppure ci si porta una bella coperta. Magari con le maniche. Certo, il sito che lo propone ha un nome che è tutto un programma: www.zingarate.it.

Capodanno sul kayak: solo per i più avventurosi. Se il 2016 è stato il famoso “anno bisesto, anno funesto”, questo è un buon momento per prenderlo a pagaiate. Letteralmente. C’è anche una ricetta, con ingredienti annessi: 2 kayak, 1 canadese,  4 pagaie, 2 kayaker, 2 canoisti, acqua cristallina del lago q.b. Un canadese o una canadese? Un uomo o una tenda? Nel dubbio, portatevi appresso sia uno sia l’altro. Bisogna saper montare. In tutti i sensi.

Capodanno a Paestum: per i lavoratori più indefessi, che proprio non ce la fanno a stare con le mani in mano, e gli amanti dell’archeologia. Legambiente cerca volontari che dal 28/12 al 3/1 svolgano attività di protezione dell’area archeologica più grande della Magna Grecia. Solo per i più colti. All’ingresso non serve prevendita, ma una laurea in Lettere Classiche (meglio se unita a master in Archeologia).

Capodanno in un caveau di banca: se siete appassionati di lingotti d’oro e cassette di sicurezza – o se avete economicamente bisogno di una mano perchè questo 2016 è stato davvero funesto – il caveau di una banca è il luogo ideale per iniziare il 2017 con il piede giusto. A Chicago. Ospite d’onore: Paperon de’ Paperoni.

Capodanno sul cratere: per i veri sprezzanti del pericolo il capodanno sulle pendici di un vulcano è un must. Meglio sceglierlo attivo, tipo Stromboli, così fino all’ultimo si può aspettare la sorpresa. Serata esplosiva.

 

Elena Cirla on twitter
Elena Cirla
Studentessa di Lettere Moderne, classe 1994.
Amante dell'autunno, dei viaggi e del vino rosso.

Commenta