Stalattiti: The game

Se sei registrato a una newsletter o abbonato a un giornale, se hai mai cercato un’informazione su Wikipedia, commentato una foto su Facebook, pubblicato un post, una foto o una recensione pubblica, messo un like, scaricato musica da Spotify, guardato un film in streaming o su Youtube, se hai pagato, almeno una volta, con carta di credito, prenotato un libro di una biblioteca dal catalogo virtuale, usato sistemi di car sharing, comprato un biglietto online o inviato una mail, se guardi la televisione e ascolti la radio, se hai uno smartphone e messaggi su whatsapp sei contemporaneamente un prodotto, un membro, un consumatore e un contribuente della rivoluzione digitale.

Stalattiti: il kitsch di Andrea Mecacci

L’arte kitsch non ha esigenze che vadano al di là del produrre un effetto immediato ed essere adatta al consumo, per questo rispecchia i caratteri di individualismo, miseria e menzogna della società che l’ha generata; è arte discount, arte a buon mercato che costa poco e pretende goffamente di valere qualcosa.

Stalattiti: Mediterraneo di Fernand Braudel

Mediterraneo di Fernand Braudel demolisce l’idea che esistano delle divisioni storico-geografiche “naturali”, che la storia di un singolo (individuo, gruppo, paese, continente) sia distinta da quella degli altri e che la responsabilità del singolo sia imputabile al singolo stesso e non al risultato della complessa relazione storica tra questo e tutti gli altri.