Il Laboratorio teatrale Shakespeare e la legge: Immaginate di vedere stranieri disgraziati

La collaborazione tra il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere l’associazione no profit Puntozero Teatro, impegnata dal 1995 per volontà del regista e attore Giuseppe Scutellà e dell’attrice Lisa Mazoni nella creazione di opere di teatro e cinema, ha dato luogo a un fertile e riuscito esperimento di dialogo creativo nel Laboratorio Shakespeare e la legge: Immaginate di vedere stranieri disgraziati…a cura di Mariacristina Cavecchi, Margaret Rose, Lisa Mazoni e Giuseppe Scutellà.

Insolite Ignote: Margaret Hughes -Vulcano Statale

Insolite Ignote: Margaret Hughes

Le donne sono state spesso protagoniste di intere opere, muse ispiratrici, ma come attrici a tutti gli effetti appariranno soltanto con l’avvento della Commedia dell’arte. mentre in Italia e in Francia, tra il Cinquecento e il Seicento la situazione per le donne nell’ambito teatrale iniziava a cambiare, nel Regno Unito tutto sembrava rimanere ancora fermo e le scene erano ancora in mano agli uomini. Solo nel 1660 per la prima volta una donna si esibì nel ruolo di Desdemona nell’Otello di Shakespeare. Molto probabilmente si trattava di Margaret Peg Hughes.

Shakespeare e la legge. Romeo Montecchi: colpevole o innocente?

Il teatro come forma di progetto educativo, di socializzazione e di riabilitazione: questo è quello che sarà messo in scena nel Teatro Beccaria Puntozero, presso l’istituto penitenziale minorile Cesare Beccaria il primo Dicembre alle 18:30. Uno spettacolo messo in scena e costruito dagli stessi ragazzi detenuti e la compagnia di attori Puntozero, che da diversi anni collabora con loro e più recentemente con gli studenti dell’Università Statale di Milano, entrati in questo progetto grazie alle docenti Cristina Cavecchi e Margaret Rose.

Jacques Lecoq e la maschera neutra -Vulcano Statale

Jacques Lecoq e la maschera neutra

La maschera neutra, ideata da Jacques Lecoq uno dei pilastri del teatro contemporaneo, è uno strumento che permette a chi la indossa di potenziare la propria gestualità, anche grazie a un annullamento dei tratti distintivi dell’attore, e di neutralizzare i caratteri singolari degli attori prima di entrare senza conflitti in un altro personaggio.