Il Venezuela e il dilemma dell'appoggio: un'analisi geopolitica -Vulcano Statale

Il Venezuela e il dilemma dell’appoggio: un’analisi geopolitica.

Sarebbe inutile descrivere cosa sta succedendo in questi mesi in Venezuela, vista la valanga di notizie che arriva ogni giorno. In tutto questo marasma confuso di informazione e disinformazione, ovviamente, le persone si esprimono senza analizzare la situazione o mosse dal puro e ingenuo spirito ideologico che ricopre solo la punta dell’iceberg del gioco delle relazioni internazionali. Proviamo a sfatare diversi miti o recenti dichiarazioni riguardo la crisi economica.

Di Maio e i gilet gialli, un avvicinamento che deve preoccuparci?

Dal 13 novembre dello scorso anno l’intera Francia è in ostaggio dei gilet gialli, una marea gialla che ogni weekend invade le strade e le piazze delle principali città francesi manifestando contro le scelte dell’amministrazione Macron. Luigi Di Maio, vicepresidente dell’esecutivo giallo-verde che già da tempo ha iniziato un conflitto aggressivo con la Francia istituzionale sul tema dell’immigrazione, ha deciso di andare a incontrare alcuni dei rappresentanti del movimento francese. Sorge spontanea la corrispondenza tra l’Italia e la Francia.

Le biblioteche: tesori nel mondo

Solitamente i tesori più preziosi vengono custoditi lontano dagli occhi indiscreti e all’interno di ambienti bui, umidi e segreti. Esiste un solo tesoro che per considerarsi tale necessita di un luogo luminoso e pubblico, facilmente raggiungibile dalle mani di chiunque ne abbia bisogno. Ed alcuni di questi tesori, chiamati libri, hanno la fortuna di vivere nelle biblioteche più belle del mondo.

Venezuela, il regime subìto e quello acclamato -Vulcano Statale

Venezuela, il regime subìto e quello acclamato

In Venezuela, lo scorso 23 gennaio Juan Guaidò, leader dell’opposizione, si è autoproclamato “presidente ad interim”, sfidando l’attuale capo della Repubblica Nicolas Maduro, vincitore delle ultime elezioni. Il popolo venezuelano si sta facendo sentire: al cabildo, riunione popolare dove i legislatori incontrano il popolo, in molti erano presenti per far sentire la propria vicinanza all’opposizione e far vedere che, se Maduro ha così paura che un individuo sviluppi una propria opinione, saranno tutte queste opinioni unite ad abbattere il suo regime.

Brexit: negoziati nel limbo e governo May sempre più fratturato

Se c’è una persona la cui situazione, in queste settimane, non è affatto invidiata dalla maggior parte dei britannici è di sicuro Theresa May, leader del Tory Party e Primo Ministro inglese.
 Nonostante la May sia uscita vincitrice dalla mozione di sfiducia presentata ieri da 48 membri del partito conservatore — con 200 voti a suo sostegno e 117 a favore delle sue dimissioni — la premier ha ben poco da rasserenarsi.