87 milioni di profili Facebook manipolati: Zuckerberg e il caso “Cambridge Analytica”

Il caso denominato “Cambridge Analytica” è scoppiato nel weekend tra il 17 e il 18 marzo: Guardian e New York Times hanno dimostrato un uso scorretto di una immensa quantità di dati prelevati da Facebook da parte di una società di consulenza inglese, chiamata appunto Cambridge Analytica, che ha lo scopo di prelevare un’enorme quantità di dati dai vari social network e, tramite l’uso di algoritmi complessi, rielaborarli al fine di ottenere un preciso profilo psicologico dei vari utenti.

Migranti climatici

Un’importante causa della migrazione, quella sconcertante che fa guadagnare i primi titoli sulle testate, ma che sui giornali raramente appare è il cambiamento climatico. Abbiamo approfondito la questione alla terza edizione del Festival dei Diritti Umani, appena conclusasi a Milano.

Magma 182: G7 meno uno

Al rientro dal G7, Angela Merkel tiene un discorso a Berlino che molte testate hanno descritto “storico”. In seguito a…