Del: 10 Ottobre 2007 Di: Redazione Commenti: 0
Va bene. Il Quirinale, con il suo folcloristico codazzo di corazzieri e ciambellani, costa 235 milioni l’anno e un volo di stato preso di straforo manda in fumo 20 mila euro. L’indignazione dell’onesto contribuente ci sta e bene fanno i tribuni di turno a darle visceralmente sfogo. Però. Però se ci entusiasmano le cifre, ne possiamo spulciare di migliori. I cosiddetti statali “fannulloni”, quelli che contribuiscono con qualche sbadiglio al progresso economico-culturale del paese, costano 14 miliardi l’anno, l’equivalente di 60 Quirinali, di 700 voli di stato e di una discreta manovra finanziaria (dati Eurisko). Non ho ancora visto cortei contro di loro. Gli evasori fiscali, che viaggiano in Porsche e dichiarano un reddito da garzoni, costano 200 miliardi ogni 12 mesi, cioè 870 Quirinali e 10 mila voli di stato. E la piazza sembra snobbarli. Ma oltre ai fardelli attuali, ci sono anche quelli futuribili. Uno studio dell’Agici segnala che l’immobilismo infrastrutturale (leggi: No-Tav e No-Mose), nei prossimi 15 anni costerà ai cittadini altri 200 miliardi. E tanto per restare tra le quattro mura. Per uno studente fuoricorso lo Stato sborsa 20 mila euro l’anno. Voi quanti fuoricorso conoscete?
Luca Gualtieri
Redazione on FacebookRedazione on InstagramRedazione on TwitterRedazione on Youtube

Commenta